venerdì 13 settembre 2013

*Mamma da 29 mesi e 8 giorni*

Com'è cambiata la mia vita?... E' cambiata! Da tutti i punti di vista. E decisamente in meglio!
Chi è mamma spesso si *lamenta* del fatto che non si dorme più, che non c'è tempo per se stesse, che ci si vorrebbe rilassare nel silenzio più assoluto, ma quando abbiamo quel *silenzio* così atteso, così sognato, stiamo bene? Riusciamo a godercelo fino in fondo senza pensieri?
Io assolutamente no. Penso a *chissà cosa sta facendo* e mi annoio. 
Perchè la mia vita è lui, la mia piccola peste. 
La mia piccola peste che riempie casa di giocattoli sparsi per tutto il pavimento e li raccoglie solo che se lo aiuti anche tu, ma solo 5 secondi perchè poi ti lascia lì e ti tocca fare tutto da sola.
La mia piccola peste che appena finito di lavare il pavimento, mi chiede: *Mamma, acqua!* e lui cosa fa? Beve, ma poi decide di far cadere le goccine d' acqua dal bicchiere, lasciando la scia come Pollicino con le sue briciole.
La mia piccola peste che amo, che adoro, che mi fa impazzire per tutti i *dispetti* che mi fa e che appena mi lascia sola, ho un vuoto dentro. Mi manca. Tantissimo. E 5 minuti prima, avrò urlato al suo papà *Portalo fuori e tornate tra due ore* per la disperazione.
Capita anche voi?!
Essere mamma è *faticoso*, è banale scriverlo ma è così. Ma quante soddisfazioni?
Non mi sono mai lamentata molto.
Tutto rientrava e rientra nella normalità.

Non si dorme, si sa. Mi ritengo comunque fortunata rispetto ad altre mamme, Leonardo non ha avuto coliche e quindi niente pianti estenuanti e infiniti. E poi quando potresti dormire, passi i minuti a guardarlo.
La vita, soprattutto i primi mesi, viene scandita da blocchi di 3 ore. Ogni 3 ore bisognava preparare il latte (purtroppo io non sono riuscita ad allattare) di giorno non pesa ma la notte un pochino si, e Leo era puntuale se non in anticipo e dovevi preparare subito altrimenti urla e strilli. Ma ho avuto il suo papà a darmi la mano, una volta io, una volta lui. Pesa meno.
L' unica cosa che mi mandava in tilt con crisi era ed è il singhiozzo. Ora (speriamo di non tirarmela è diminuito moltissimo) ma da piccolino era davvero impossibile e durava per ore. Entravo nel panico, chiamate alla mia mamma con pianti perchè non passava e non passava.
Poi c'è lo svezzamento e lì le note dolenti. Nel senso che Leo da questo punto di vista è poco curioso. Non ama assaggiare. Ma in quest' ultimo periodo stiamo facendo passi da gigante, siamo arrivati a mangiare la salsiccia, lo spezzatino di tacchino, le schiacciatine e anche gli straccetti. Però non ho mai fatto un dramma. Non lo forzo perchè non ha senso. Io propongo sempre poi è lui a decidere. Il più delle volte assaggia, altre no e si fa venire i conati di vomito, questo soprattutto con i dolci. Non ne mangia proprio.
Leo cresce benissimo e quindi non mi preoccupo.
Dell' essere mamma non sopporto due cose i consigli non richiesti e le mamme in competizione.
Quelle mamme che devono dirti cosa fare, come fare e perché fare. Ti ho forse chiesto qualcosa? Ho chiesto il tuo parere? No e quindi non darmi *consigli* solo perché tu ci sei passata. Per carità, alcune le ascolto, tipo mia mamma ma le altre consulenze non richieste proprio non le reggo.
Le mamme in competizione? Ne vogliamo parlare? Quelle che ti chiedono *quanto è alto?*, rispondi *95 cm* e loro *mio figlio 97* e poi è oggettivamente più basso ma lasciamoglielo credere, come se  95 cm è brutto da dire...ma perchè?? Non lo capirò mai. L' altro giorno al supermercato una tipa con sua figlia di 3 anni molto magra, mi chiede *quanti anni ha* ed io *29 mesi* e lei ancora *quanto pesa?* ed io *18 kg* e lei, sbarrando gli occhi *mamma mia ma forse ha un peso eccessivo, la mia 3 anni pesa 15 kg*. Ed io *signora e perchè mai?! Non sarà forse sua figlia ad essere magra?* Che poi queste sono le più banali...se passiamo al mangiare non né usciamo più...mi sono sentita dire, dopo aver detto che Leo mangia la pastina e non la pasta grande *...ma la pediatra cosa dice? devi farlo vedere da qualcuno?* ...solo perchè la sua a due anni mangia le lasagne (che poi secondo me se ne inventano di cazzate). 
Sono contenta per te ma non preoccuparti per me. La mia risposta.

Per adesso mi godo il mio piccolo, con tutte le sue pazzie.
Sono una mamma che non prenderà mai le *ferie* dal suo bambino.



4 commenti:

  1. Hehehehe... rido perchè mi ci rivedo e son contenta vuol dire che sono normale! Io adoro la mia piccina, come ogni mamma, come te il tuo Leo, quindi le tue parole mi riempiono di gioia e mi fanno sorridere, ripenso alle notti in cui si svegliava ogni 15 minuti per la poppata... sempre stata pigra la mia cucciola.
    Anche io non sopporto i consigli non richiesti, e le mamme che hanno i super poteri e i figli più tutto del mondo. Son felice delle nostre imperfezioni e ancor più dell'amore che proviamo per i nostri figli. Manu grazie per avermi fatto rivivere alcuni momenti! Un bacione cara e continua così, perchè se Leo è sereno vuol dire che tu sei un'ottima mamma.

    RispondiElimina
  2. ...ma che tenera che sei, mamma Ema!!!!! <3 <3 <3

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il tuo post.....condivido quasi tutto! Dico quasi.....perché io il silenzio lo adoro! Quindi quando il mio sta zitto, ormai ha 8 anni e parla parla parla parla........io ringrazio il cielo, perché in quel momento il mio cervello può andare in stand by!
    Un abbraccio
    Alessandra
    ^_~

    RispondiElimina
  4. molto bello, emozionante, e sincero..!
    <3
    Baciotti
    Iva

    RispondiElimina